Intervista al centro astronomico "Neil Amstrong"

Intervista ai soci del Centro Astronomico “Neil Armstrong”, attivo a Salerno dal 1982. Molti di loro hanno aderito al volontariato attivo portato avanti con dedizione da Voglio un Mondo Pulito.

redazione VUMP

Intervista VUMP - Centro Astronomico "Neil Amstrong"

Chi siete e cosa fate nella vita?

Paolo Rota: Ciao sono Paolo, nato a Salerno nel 1992. Sono laureato in fisica e attualmente svolgo un dottorato di ricerca presso l’Università degli Studi di Salerno sui pianeti extrasolari. Da ormai dieci anni sono socio del Centro Astronomico Neil Armstrong Salerno.

Biagio De Simone: Io mi chiamo Biagio, sono nato nel 1994 a Battipaglia e sto per laurearmi in Fisica Magistrale qui a Salerno. Dopo sei anni dal mio ingresso nel Centro Astronomico Neil Armstrong di Salerno a luglio 2019 sono diventato il Coordinatore, carica che mantengo tuttora.

Vincenzo Bisogno: Io sono Vincenzo, sono nato nel 1998 e sono di Salerno. Attualmente sono uno studente della triennale di Fisica. Sono una delle new entry del Cana, e attualmente partecipo alla creazione e alla pubblicazione di articoli divulgativi.

Quali eventi organizzate con il centro astronomico?

Il Centro Astronomico Neil Armstrong Salerno (CANA) è un’associazione nata nel 1982 da un gruppo di appassionati del cielo. Scopo dell’associazione è quello di divulgare tutto ciò che riguarda l’astronomia, l’astrofisica e l’esplorazione spaziale al pubblico. Siamo molto operativi nel territorio salernitano con serate osservative in cui mettiamo a disposizione i nostri telescopi per poter ammirare il cielo, con seminari e conferenze dove in occasioni speciali invitiamo anche esperti del settore (esempio notevole è stato l’astronauta Paolo Nespoli). Siamo molto operativi anche sui social con post divulgativi, astrofotografie e meme astronomici. Per via dell’emergenza coronavirus abbiamo sospeso le attività in pubblico ma stiamo concentrando i nostri sforzi online con la diffusione di contenuti online.

Unisciti a Noi

Diventa oggi anche tu un attivista di Voglio Un Mondo Pulito e unisciti alla nostra grande famiglia. Il rispetto e la tutela dell'ambiente è ciò che ci unisce

Sostienici

I fondi raccolti serviranno prevalentemente per acquistare guanti, buste e attrezzi da lavoro per i clean-up e per futuri progetti volti alla sensibilizzazione e alla tutela ambientale.

Le persone sono interessate allo spazio?

Purtroppo abbiamo constatato che soprattutto nel salernitano l’interesse verso il campo dell’astronomia è molto basso, ma noi non ci arrendiamo e continueremo questo bellissimo percorso per far conoscere l’astronomia e far appassionare adulti e bambini a questo meraviglioso spettacolo che il cielo ci offre. Salerno non è una grande città ma siamo comunque riusciti a coinvolgere tante persone riuscendo a creare una comunità per coloro che erano già appassionati del cielo, ma allo stesso tempo a far interessare nuove persone a questa scienza che, in fondo, ha qualcosa di molto poetico.

Le vostre attività risentono in qualche modo dall’inquinamento?

Si, ma parliamo di un altro tipo di inquinamento, quello luminoso. Purtroppo le luci della città coprono ciò che il cielo ha da offrirci e per poter ammirare cieli puliti e tersi siamo costretti a spostarci lontano da Salerno, in zone distanti da centri abitati. L’inquinamento luminoso è un problema serio che va affrontato ad ogni costo. Per ciò che riguarda le altre forme di inquinamento, altrettanto importanti ma non così determinanti ai fini delle nostre attività, c’è molto dispiacere nel vedere che in molte zone verdi, in cima alle montagne dove andiamo a posizionare i nostri telescopi, tantissimi rifiuti sono abbandonati incivilmente. In questo caso l’inquinamento rappresenta un vero pugno nell’occhio che difficilmente riusciamo ad ignorare

Intervista centro Neil Amstrong

Cosa vi ha spinti a lottare per l’ambiente?

Paolo Rota: Noi viviamo in un posto bellissimo e ci fa male vedere come viene trattato. Ci sembra il minimo lottare per rendere il nostro ambiente un posto sano e pulito dove l’inquinamento di ogni genere sia solo un brutto ricordo da non emulare più.

Biagio De Simone: Io ritengo che un domani il genere umano riuscirà a colonizzare anche altri pianeti dello spazio profondo, è solo questione di tempo. Ma ciò non toglie che il nostro pianeta di origine possa essere trattato con incuria, non solo per una motivazione morale ma anche e soprattutto perché rischiamo di distruggerlo prima che riusciremo a spostarci su altri mondi da colonizzare. Inoltre, in quanto abitanti senzienti del globo terracqueo, abbiamo una seria responsabilità nei confronti di tutte le forme di vita con cui dividiamo la natura. Senza dimenticare che dobbiamo trasmettere un messaggio importante ai posteri: non vorrei che le future generazioni le quali si troveranno ad abitare su pianeti lontani non abbiano un precedente positivo a cui riferirsi e comincino a distruggere il loro nuovo ambiente!

Vincenzo Bisogno: Credo che viviamo in un mondo bellissimo ma che troppo spesso viene rovinato, lamentarsene però è troppo facile, per questo ho preferito mettermi in gioco cercando anche io di dare il mio piccolo contributo a quella che ritengo una causa molto importante.

Come mai tra tante associazioni avete scelto di entrare a far parte di “Voglio un mondo Pulito”?

Paolo Rota: E’ una delle poche associazioni veramente attiva sul territorio che opera per la tutela dell’ambiente senza un tornaconto personale. Molti miei amici ne fanno parte e dal primo clean up a cui ho partecipato (più di un anno fa) mi sono subito legato a questo gruppo. Spero in futuro di poter dare un contributo ancora maggiore alla loro causa.

Biagio De Simone: Dopo aver partecipato a fine 2019 ai cleanup dell’associazione ho avuto modo di innamorarmi di questo modus operandi di Voglio un Mondo Pulito. Interessati solo alla salvaguardia del pianeta, pragmatici, encomiabili, ho avuto subito voglia di emularli nell’unirmi a loro e ad oggi questo splendido rapporto di collaborazione continua.

Vincenzo Bisogno: Li ho conosciuti principalmente tramite amici e ho partecipato per la prima volta questa estate. Ho avuto modo di scoprire il loro mondo, dove il loro desiderio è veramente quello di contribuire alla tutela dell’ambiente, senza secondi fini, riuscendo con la loro simpatia ed energia a coinvolgere chiunque si avvicini a loro.

Sogni per il futuro?

Realizzare una sede per il CANA con tanto di osservatorio astronomico a Salerno. L’astronomia è una delle mie più grandi passioni e il CANA è una seconda famiglia per me e sarebbe bellissimo avere un centro vissuto quotidianamente con i soci e con tutti gli appassionati che vogliono conoscere e ammirare il cielo.

Nota: si ringrazia Annarita Sepe per la suggestiva foto scattata al nostro socio Vincenzo (nel collage, a destra)

Link Utili

Come faccio a dare una mano?

“Ci sono tante piccole cose che si possono fare nel quotidiano e, al contrario di quanto si possa pensare risultano efficaci sul lungo periodo. Ad esempio, evitare di comprare imballaggi inutili, portare con sé una borraccia, chiedere bicchieri di vetro e senza cannuccia al bar, evitare posate monouso… insomma, evitare tutto ciò che non è indispensabile. Nonostante la delicata situazione causata dall’emergenza coronavirus dobbiamo comunque ragionare su ogni nostro gesto perché ci sono azioni di spreco che non trovano giustificazione neanche nelle norme igieniche.”

Continuate a seguirci sui nostri social e sul sito per avere altri consigli green ed ecocompatibili.

Unisciti a Noi

Diventa oggi anche tu un attivista di Voglio Un Mondo Pulito e unisciti alla nostra grande famiglia. Il rispetto e la tutela dell'ambiente è ciò che ci unisce
Condividi