Perchè ho scelto di non mangiare più carne pt.2

Impatto della carne

Nel precedente articolo ho cercato di portarvi all’interno degli allevamenti intensivi, nella speranza di sollecitare una qualche reazione emotiva alle quotidiane torture che avvengono in quelle strutture.

Questo articolo, invece, verterà sull’impatto della produzione di carne nell’inquinamento globale.

Di seguito, i primi allarmanti dati: tra tutti i mammiferi sulla terra, il 64% è rappresentato da suini e bovini, il 36% da esseri umani, solo il 4% da animali selvatici. Lo stesso si registra con gli uccelli: il 30 % del totale è costituito da uccelli selvatici, il restante da pollame allevato.
In numeri si traduce così: 137 milioni di polli, 6 milioni di bovini, 8,9 milioni di maiali allevati in Italia.

Studi pubblicati su “Earth System Science Data and Environmental Research Letters” dimostrano che due terzi delle emissioni di metano, secondo gas a contruibuire all’effetto serra dopo l’anidride carbonica, ma 28 volte più potente di quest’ultima nell’intrappolare calore nell’arco di un secondo, provengono da allevamenti, agricoltura e discariche.
Solo, quindi, un terzo delle emissioni di metano è causato dai combustibili fossili.

Oltre alle emissioni di gas metano, gli allevamenti intensivi sono la causa del rilascio nell’aria di migliaia di tonnellate di ammoniaca, sostanza che a contatto con gli ossidi di zolfo e azoto, genera le polveri sottili (PM 2,5). E’ così che il settore zootecnico è il responsabile del 54% delle polveri fini rilasciate nell’aria.
Momento “shock”: i settori tanto additati come responsabili dell’emissione di polveri sottili, quali quello dei trasporti e quello industriale, producono rispettivamente il 14% ed il 10% di particolato, in contronto al 17% generato dagli allevamenti intensivi.
Infine devo riportare il collegamento tra il primato europeo italiano di morti premature attribuibili all’inquinamento dell’aria, ed il fatidico ruolo svolto dalle strutture da allevamento…(per un ulteriore approfondimento sull’inquinamento da polveri fini nella Pianura Padana, consultare il seguente link:https://www.greenpeace.org/static/planet4-italy-stateless/2020/04/184484ca-ricerca-particolato-def.pdf).

Unisciti a Noi

Diventa oggi anche tu un attivista di Voglio Un Mondo Pulito e unisciti alla nostra grande famiglia. Il rispetto e la tutela dell'ambiente è ciò che ci unisce

Come faccio a dare una mano?

“Ci sono tante piccole cose che si possono fare nel quotidiano e, al contrario di quanto si possa pensare risultano efficaci sul lungo periodo. Ad esempio, evitare di comprare imballaggi inutili, portare con sé una borraccia, chiedere bicchieri di vetro e senza cannuccia al bar, evitare posate monouso… insomma, evitare tutto ciò che non è indispensabile. Nonostante la delicata situazione causata dall’emergenza coronavirus dobbiamo comunque ragionare su ogni nostro gesto perché ci sono azioni di spreco che non trovano giustificazione neanche nelle norme igieniche.” Continuate a seguirci sui nostri social e sul sito per avere altri consigli green ed ecocompatibili, insieme daremo voce al grido di
Voglio Un Mondo Pulito

Sostienici

I fondi raccolti serviranno prevalentemente per acquistare guanti, buste e attrezzi da lavoro per i clean-up e per futuri progetti volti alla sensibilizzazione e alla tutela ambientale.

Articoli Recenti

Unisciti a Noi

Diventa oggi anche tu un attivista di Voglio Un Mondo Pulito e unisciti alla nostra grande famiglia. Il rispetto e la tutela dell'ambiente è ciò che ci unisce
Condividi